NOTIZIA

«Un`ora alla settimana contro il degrado» La mia intervista al QN

«E SUI BANCHI di scuola che si diventa cittadini. È lì che si formano le generazioni di domani». Parte da questa convinzione Dario Nardella, sindaco di Firenze che oggi, insieme a tanti colleghi d’Italia, depositerà alla Corte di Cassazione la proposta di legge di iniziativa popolare, per introdurre un’ora alla settimana di educazione alla cittadinanza.

 

L’iniziativa è partita proprio dall’amministrazione di Palazzo Vecchio. E in breve tempo ha raccolto l’adesione di tanti sindaci italiani, del Nord e del Sud. Sindaco Nardella, da quali difficoltà nasce questa proposta di legge? «Numerose. Con la vostra iniziativa ‘Lezioni di vita 4.0’ ne avete individuata certamente una. Siete riusciti a sottolineare quanti possano essere i nuovi pericoli della Rete. Non a caso l’intento della proposta di legge è anche quello di contrastare il cyber bullismo. Dopodiché, dobbiamo costruire i cittadini del futuro».

Che cosa sta accadendo nelle nostre città? «Accade che assistiamo sempre più a episodi di inciviltà, di incuria dei beni comuni, con persone che non rispettano le regole della convivenza, da chi butta le cicche per terra a chi sporca a spasso col cane. Ma anche peggio, come chi non rispetta il codice della strada».

Secondo lei da cosa dipende? «La questione è complessa, ma credo che dipenda anche dal fatto che è saltato quel patto sociale che c’era fra scuola, famiglia e istituzioni. Erano tré mondi che colla- boravano e che ora invece non si parlano più. Di sicuro, da quando l’educazione civica è stata tolta dalla scuola, i fenomeni di degrado sono aumentati, in tutti i campi».

Può bastare una legge? «E un punto da cui ripartire. Una sfida che non possiamo perdere. Insieme alla mia vicesindaca Cri- stina Giachi abbiamo lavorato a fondo con l’Anci, che ringrazio. Abbiamo coinvolto intellettuali e personalità di diversa estrazione e con diverse sensibilità, fra cui il maestro Riccardo Muti, lo psicoanalista e scrittore Massimo Recalcati, il rettore del Politecnico di Milano Ferruccio Resta…» La richiesta è un’ora alla settimana… «Sì, ma in ogni scuola di ogni ordine e grado. E abbracciando argomenti come i diritti umani, l’educazione ambientale, l’educazione alimentare e digitale. In più, questa proposta di legge è anche un omaggio ad Aldo Moro. Fu lui a istituire la materie di educazione civica da ministro della pubblica istruzione. E nel quarantennale della sua morte, è un modo per rendere onore a un grande uomo del nostro Paese».

 

di Olga Mugnaini

FOTO

Title

Previous
Next

ALTRE NOTIZIE

ALTRE NOTIZIE

Il presente e il futuro (digitale) di Firenze. La mia ...

20 settembre 2018

Il prossimo anno scade il mandato da sindaco di Firenze di Dario Nardella. Si ricandiderà. Vuole portare a termine un percorso che non sente finito, soprattutto sul tema dell’innovazione. Uno dei...

Firenze, Ravenna e Verona unite nel nome di Dante

19 settembre 2018

Tre città in una nel nome di Dante: Firenze, Verona e Ravenna unite in vista dei settecento anni dalla morte del Sommo Poeta, nel 2021. Oggi pomeriggio i sindaci Dario Nardella, Federico Sboarina e...

Estate Fiorentina, boom delle arene sotto le stelle

18 settembre 2018

Oltre 64 mila presenze nei cinema sotto le stelle di Firenze questa estate. Il fascino del grande schermo non ha perso smalto nei mesi estivi e complice il caldo e la quantità e la qualità...