NOTIZIA

Unity in diversity, consegnata al Papa la carta dei sindaci

E’ stata consegnata a Monsignor Sánchez Sorondo affinché sia portata all’attenzione di Papa Francesco la carta preparata e firmata dai sindaci che hanno partecipato ad Unity in Diversity, invitati dal sindaco Nardella ieri a Firenze e oggi in Vaticano.

 

La terza edizione del vertice dei sindaci di tutto il mondo “è stata molto importante ed intensa” ha spiegato il sindaco. “Abbiamo ascoltato interventi molto appassionati, forti e chiari sui concetti di unità e diversità – ha detto il sindaco -. Ci siamo confrontati su una visione unitaria rivolta al futuro, alle nostre comunità e al mondo intero. E per questo ci siamo ritrovati in una unità di intenti, di obiettivi, che abbiamo trascritto nella dichiarazione che oggi abbiamo consegnato in Vaticano perché possa essere messa poi nelle mani del Santo Padre come proposta di lavoro e di collaborazione”. Il sindaco nel corso del suo intervento alla Casina Pio IV in Vaticano si è concentrato sull’importanza del ruolo delle città nell’affrontare le sfide del nostro tempo citando le parole del Papa che puntava a non fare distinzione tra metropoli e piccole città nel promuovere il rispetto dell’ambiente e del mondo. “Nel suo intervento – ha ricordato Nardella – il Papa si rivolse ai sindaci e non invitò i capi di stato e di governo per parlare dei temi ambientali, non invitò i ministri dell’ambiente e degli Stati, invitò i capi delle comunità locali, delle grandi e piccole città del mondo, dando così un messaggio molto chiaro. Il messaggio di chi vuol parlare direttamente al cuore e alle menti delle persone perché i sindaci sono cittadini tra i cittadini, sono primi cittadini per responsabilità e ultimi per privilegi. Io credo che oggi le città siano davvero la chiave della globalizzazione del Terzo Millennio ed è nelle città che quei problemi trovano soluzione anche con grande innovazione” ha aggiunto Nardella. “Non esiste una ricetta unica, omologante, esistono tante diverse soluzioni che nascono dalle specificità della vita, della cultura, della tradizione di una città e di un territorio. È la composizione di queste soluzioni che ci aiutano a trovare poi anche strategie globali”.

 

Nardella ha avanzato anche una richiesta rivolta alle relazioni internazionali, all’Unione europea, all’Onu: “Queste organizzazioni devono riconoscere alle città il posto che spetta loro. Ormai le città si stanno organizzando in tante associazioni, ma non viene loro riconosciuto un ruolo nei processi di decisione globale”. “Penso questo alla vigilia del Cop 23 – ha concluso il sindaco nel suo intervento in Vaticano – in corso a Bonn. Non c’è strategia sull’ecologia se questa non viene condivisa dall’inizio con le città. I sindaci non possono essere solo recettori di decisioni prese altrove. Possono e devono essere coinvolti fin dall’inizio, nelle scrivere gli impegni internazionali. Questo vale per tutte le grandi sfide. Perché questo non avviene? Io credo che noi siamo scomodi perché noi andiamo controcorrente. Perché il nostro vocabolario non è il vocabolario del politically correct dei governi nazionali. Gli Stati parlano spesso di austerità, a noi sindaci capita di parlare di felicità. Gli Stati parlano di quote quando si parla di immigrazione, noi parliamo di umanità e di cittadini. Gli Stati a volte parlano di emergenza del multiculturalismo, per noi il multiculturalismo è un dato di fatto. Il vocabolario delle città è diverso da quello della politica internazionale, forse per questo siamo controcorrente e scomodi, ma credo che per questo siamo vitali. Quindi credo – ha concluso il sindaco -, ed è anche il senso della dichiarazione che noi abbiamo firmato ieri, che le organizzazioni internazionali debbano dare ai sindaci il posto, non perché abbiamo bisogno di una nuova etichetta o di un nuovo cavaliere, ma perché portiamo la voce delle nostre comunità. E a proposito di questo noi siamo per spingere perché si riduca la spesa per gli armamenti e si aumenti quella per la cultura, il sociale e la cooperazione”.

 

Questa mattina alla Casina Pio IV è stata firmata anche la dichiarazione dal titolo “Il nostro pianeta, la nostra salute, la nostra responsabilità”, documento che si basa sui dati e sulle idee presentate nell’ambito del workshop “La salute delle persone, la salute del pianeta e le nostre responsabilità. Cambiamenti climatici, inquinamento dell’aria e salute” organizzato dalla Pontificia accademia delle Scienze dal 2 al 4 novembre.
http://www.pas.va/content/accademia/en/events/2017/health/declaration.html

Qui di seguito invece il testo completo del documento finale di Unity in Diversity III firmato dai sindaci

 

UNITY IN DIVERSITY III – DOCUMENTO CONCLUSIVO

I Sindaci si sono riuniti a Firenze per la Terza Edizione di Unity in Diversity
(7 novembre 2017) per il 40° anniversario della scomparsa del Sindaco
Giorgio La Pira,
Ispirato alla memoria del Sindaco La Pira nell’ambito del Dialogo Internazionale,
Interculturale e Interreligioso, in particolare tra le città e l’area mediterranea;
Guidati dalla loro comune aspirazione alla pace, alla tolleranza, alla giustizia, al rispetto dei diritti umani;
Basandosi sulla esperienza e il successo delle scorse edizioni di Unity in Diversity;
E’ stata discussa oggi la situazione del Mediterraneo, una regione critica per la pace e lo sviluppo nel mondo. La regione sta affrontando attualmente vasti flussi migratori, causati dal cambiamento climatico, dai conflitti e dalla povertà, che devono essere affrontatati con apertura mentale, garantendo la sicurezza e il rispetto dei diritti umani di ciascun individuo.
Durante il dibattito sono state evidenziate le seguenti tematiche fondamentali:
• tutela dell’ambiente e sviluppo sostenibile;
• dialogo culturale e conservazione del patrimonio culturale -materiale e
immateriale;
• diritti umani e difesa della dignità umana, in modo particolare in un periodo di crescenti flussi migratori;
E’ stata evidenziata pertanto l’importanza di:
• un ruolo più attivo, ciascuno con i propri limiti di competenza, nella gestione degli argomenti sopra menzionati;
• mobilitare maggiori finanziamenti a favore della Cooperazione Internazionale
così come delle politiche culturali e sociali,riducendo le spese militari;
• promuovere il dialogo tra le città così come lo scambio delle migliori pratiche;
• incrementare la partecipazione di rilevanti interlocutori, compresi i cittadini con le loro iniziative.
I Sindaci hanno sottolineato, quindi, nell’ambito di applicazione e nel pieno
rispetto delle rispettive normative nazionali, l’importanza di:
• continuare a lavorare a favore degli obiettivi individuati nelle proprie città;
• continuare a sostenere i sopra citati obiettivi per ciò che concerne il disarmo
nucleare sia nelle loro città che in qualsiasi altro ambito;
• continuare a scambiare le migliori pratiche,
• contemplare la possibilità di istituzionalizzare questo Forum per incrementare l’efficacia delle loro azioni.

 

Firenze, 7 Novembre 2017

FOTO

Title

Previous
Next

ALTRE NOTIZIE

ALTRE NOTIZIE

Una nuova fermata ferroviaria in viale Guidoni, il sindaco ...

6 dicembre 2018

Una nuova fermata ferroviaria collegata al centro dal tram e a due passi dall’aeroporto e dall’autostrada. Si tratta della nuova fermata Guidoni il cui progetto oggi è stato illustrato dal...

Nuovo mercato agroalimentare di Firenze, al via il progetto ...

5 dicembre 2018

Avanti con il progetto di cambiamento del quadrante Nord Ovest della città. Con l’approvazione il 7 novembre scorso della variante al piano urbanistico esecutivo di Castello, si è dato il via al...

Musei civici gratis e teatri a un euro per i giovani, un ...

4 dicembre 2018

Musei civici gratuiti e teatri del Maggio e Ort a un euro e un ‘invito alla lettura e all’informazione’, ovvero un contributo da 50 euro da spendere in libri, giornali e periodici. E’...