NOTIZIA

Prima conferenza delle capitali europee della cultura, il sindaco Nardella: “La cultura è unica vera chiave del futuro”

“La cultura è oggi l’unica vera chiave del futuro, strumento di sapere, progettualità, creatività e integrazione”. Lo ha detto il sindaco di Firenze Dario Nardella, aprendo i lavori della prima Conferenza delle capitali europee della cultura, in corso fino a domani a Palazzo Vecchio. L’inedito summit mira a celebrare e riunire insieme per la prima volta le città europee che sono state dichiarate capitali della cultura dal 1985, anno di lancio dell’iniziativa, e quelle già designate per i prossimi anni. Erano presenti il ministro dei beni culturali Alberto Bonisoli e il commissario europeo alla cultura Tibor Navracsics.

“Questa Conferenza – ha sottolineato Nardella – si tiene nel primo anno del Patrimonio Culturale Europeo e aspira a mettere in rilievo l’istituto delle capitali della cultura, che a mio avviso è molto più importante di quanto non sia comunemente riconosciuto, per il processo di integrazione europea. Ringrazio per questo il commissario Navracsics che più di un anno fa ha sposato e accettato di essere nostro partner in questa iniziativa che riunisce città che, per il loro status di capitali della cultura europea, hanno l’onore ma anche la responsabilità di contribuire sia a preservare il nostro patrimonio sia a progettare il futuro dell’Unione legando le diverse anime, istanze e tradizioni con quel collante unico che è la cultura. Vorrei rivolgere un ringraziamento particolare al ministro Bonisoli che ci fa l’onore oggi di essere qui per testimoniare il sostegno del nostro Governo a questa iniziativa che, sono certo, darà lustro all’Italia e ne sancirà, una volta di più, la leadership su temi che per anni sono rimasti lontano dai riflettori dell’agenda europea e internazionale”.

Il sindaco ha ricordato che questo forum si tiene proprio alla vigilia della quarta edizione di Unity in diversity, la riunione dei sindaci del mondo nel nome della cultura e della pace, e nell’anniversario della morte di Giorgio La Pira, il sindaco ‘santo’ che per primo ebbe l’ardita idea di riunire le città mondiali in uno storico consesso a Palazzo Vecchio, negli anni Cinquanta.

“L’idea di questa Conferenza – ha proseguito il sindaco – nacque in occasione del primo G7 della cultura che si svolse in città nel marzo di due anni fa. Oggi riteniamo che la cultura sia l’unica vera chiave del futuro: in un mondo fatto di fake news, smarrimento della memoria, decrescita, insicurezza, la cultura è strumento del sapere, della progettualità, della creatività e dell’integrazione. Le città sono le custodi di questi valori e li fanno crescere col lavoro quotidiano. Questo è il loro compito: non essere solo per un anno ma rimanere per sempre capitali della cultura, per mandare un messaggio di coesione, di solidarietà, di crescita e di pace”.

FOTO

Title

Previous
Next

ALTRE NOTIZIE

ALTRE NOTIZIE

Torna a Firenze la Postemobile Final Eight di Coppa Italia, ...

21 Gennaio 2019

Per il secondo anno consecutivo Firenze ospita la PosteMobile Final Eight di Coppa Italia di basket, che si terrà dal 14 al 17 febbraio prossimi al Mandela Forum. L’edizione 2019 è stata...

A Palazzo Vecchio la 14/esima Conferenza internazionale ...

21 Gennaio 2019

“La Giordania ha compiuto e sta compiendo un grande sforzo nell’ospitare migliaia di rifugiati. E’ un esempio per tutta l’Europa, pur avendo meno mezzi di molti Stati europei”. E’ il...

Per vincere in Europa servono l’unità dei ...

20 Gennaio 2019

Il sindaco di Firenze, Dario Nardella, dem renziano della prima ora, figura tra le firme del manifesto europeista lanciato da Calenda. «Mi convince l’idea di proporre una unità di forze...