NOTIZIA

Newsletter n.86, 24 dicembre 2020

Tanti auguri Firenze

Care concittadine e cari concittadini,

mancano poche ore a una delle date più significative del calendario. Mi sono chiesto come affrontare questa festa di così grande valore spirituale e sociale. So con certezza che dovremo affrontare questo Natale in un modo diverso dal solito, con limitazioni e privazioni che non devono però scalfire il senso profondo di questa festa.
Siamo ancora nel pieno di una crisi che ha messo a dura prova la resistenza e la fiducia di tutti noi. Dobbiamo in qualche modo reagire perché non possiamo negare la durezza di questa esperienza, veramente inusuale nelle nostre società abituate alla sicurezza e al benessere, alla libertà e all’ottimismo. Abbiamo preso coscienza della nostra fragilità e della nostra impreparazione. Quello che abbiamo vissuto, quello che stiamo affrontando, ci pare quasi incomprensibile. L’imponderabile ha sconvolto le nostre abitudini, i nostri comportamenti, gettando nello sconforto e nella disperazione molti di noi. Dobbiamo trovare, però, nel nostro cuore, nelle nostre conquiste sociali, nella nostra arte e nella nostra cultura le ragioni profonde della speranza e della responsabilità. Le crisi possono essere l’occasione per guardare dentro noi stessi, dentro le nostre comunità, nell’umanità e nella natura di cui non possiamo dimenticare la fragilità e la potenza; una potenza che può anche venirci contro.
Ricordiamo il nostro sommo poeta Dante, che ci dice che siamo nati per seguire virtù e conoscenza. Dobbiamo allora renderci forti dei valori morali e spirituali, di quelli di bellezza e gentilezza, di quelli di giustizia e fratellanza e dobbiamo essere forti e generosi nella nostra intelligenza e cultura per sollevare gli altri da difficoltà e paure, da sofferenza e umiliazione. Penso all’umiliazione di quanti si trovano in serie difficoltà economiche, a chi ha perduto il lavoro.

Il Natale è una festa importante perché è la festa che riassume nei suoi simboli e nei gesti i valori dell’altruismo e della speranza, della gioia e della generosità. Riflettiamo allora in questi giorni di restrizioni e di privazioni sul valore simbolico di questa festa, sul suo significato originale, guardiamo all’essenziale e non perdiamo di vista i segni della sperata rinascita. Una rinascita che, però, deve riguardare e coinvolgere tutti senza lasciare indietro nessuno.
Il Natale è il giorno in cui festeggiamo il tema cristiano della nascita del piccolo Salvatore del mondo assieme a quello primordiale della rinascita della natura, della luce che ritorna piano piano a dominare le giornate, mentre sotto la scorza della terra inizia a germogliare una nuova primavera. Nei simboli cristiani, nelle immagini della natività, ne abbiamo di bellissime nei nostri musei e nelle nostre chiese, leggiamo parole di salvezza e di conforto.

Questo Natale ci impone ristrettezze è vero, limitazioni e sacrifici. Abbiamo, però, una chance in più. Possiamo guardare all’essenziale, rinunciare al superfluo, dedicarci alla cura degli altri. Pensiamo bene al valore che assumeranno i messaggi di auguri, i piccoli regali, i gesti di solidarietà espressi in questa situazione con queste limitazioni. Sarà bello come mai potersi abbracciare anche fosse solo attraverso uno schermo. Sarà importante come mai aiutare chi ha bisogno, aver cura dei più fragili e degli indifesi. La nostra città mi riserva, ci riserva, in questo senso sempre grandi sorprese, straordinari esempi di umanità e attenzione verso gli altri. Tutto quello che oggi affrontiamo e sopportiamo ci sta in realtà rafforzando. Dobbiamo resistere, dobbiamo essere responsabili per il bene di tutti, per uscire dal tunnel tutti assieme.

Care fiorentine e cari fiorentini lasciatemelo dire: il Natale, quest’anno, arriva nel momento giusto. Abbiamo tutti bisogno di un po’ di serenità e di felicità, di un po’ di tenerezza e di calore. Nell’attimo in cui facciamo un dono siamo più forti del nostro egoismo. Anche la politica, allora, deve essere un servizio e un dono, soprattutto  di competenza e dedizione. Non vorrei mai dimenticarlo quando mi muovo per Firenze, quando mi dedico a voi, questo è il mio dovere, quando prendo delle decisioni che avranno conseguenze sulla mia e sulla vostra vita. Mai come quest’anno il Natale e le feste di Capodanno e poi quella dell’Epifania potranno essere motivo di riflessione, di introspezione e di cambiamento. Cambiamento che non può esserci senza un’attenta comprensione di quanto ci è accaduto, di quello che abbiamo donato e ricevuto, di quello che abbiamo conquistato e abbandonato, delle vittorie e delle sconfitte.

Quest’anno il compito che mi compete, fare gli auguri a tutti voi, mi sembra ancora più difficile del solito perché siamo travolti dalle emozioni  e dalle immagini e non possiamo fingere, non possiamo negare con la retorica, quanto siano stati duri e penosi questi mesi. Ho cercato delle parole chiave e delle immagini forti per riassumere tutti quei pensieri e tutti quei sentimenti che sono stati protagonisti della nostra vita quest’anno nel bene e nel male. Un anno che ricorderemo a lungo. Quest’anno, care e cari cittadini di Firenze, nel farvi gli auguri non posso dimenticare le angosce, il dolore di tanti di voi. Ma voglio trasmettervi il coraggio, la volontà, l’impegno, di tanti di noi e di voi che combattono contro l’accidia e contro la disperazione. Non è per retorica, ma in questi giorni penso sempre più spesso ai versi della Divina Commedia di Dante di cui ricorre l’anniversario a 700 anni dalla morte. Stiamo uscendo dal tunnel, andiamo a rivedere le stelle. Lo leggiamo in questi giorni sul Ponte Vecchio illuminato con giochi di luce e versi del sommo poeta. Dopo un anno vissuto come in una selva oscura, quando la diritta via sembrava smarrita, adesso finalmente cominciamo a uscire dalla paura e dallo smarrimento. Possiamo guardare oltre la linea d’ombra, superando ogni più cupa previsione.

Per concludere questi miei auguri voglio dirvi quali sono le parole che ho scritto sulla mia agenda. Sono parole chiave, parole guida: sono responsabilità, solidarietà, fiducia, collaborazione, coraggio, generosità. Non possiamo vincere da soli, difendendo ottusamente i nostri privilegi, pensando egoisticamente ai nostri interessi. Dobbiamo agire con grande responsabilità e massima generosità. Dobbiamo avere cura di noi stessi come degli altri e del mondo che abitiamo. Dobbiamo sopportare le limitazioni e le restrizioni, perché ci sembrano intaccare i nostri diritti e ridurre i nostri privilegi assieme alla libertà, imponendo regole ferree, richiedendoci sforzi notevoli. Ma questi sforzi sono necessari in nome del bene collettivo. Ci viene chiesto di rinunciare perfino a un Natale normale, vissuto con i famigliari e gli amici, trascorso fuori dalle proprie case, in compagnia degli altri. Dobbiamo essere lucidi nell’analizzare e comprendere le ragioni di tante imposizioni. Essere responsabili significa prendere atto della propria insostituibilità, della insostituibile necessità della propria azione e decisione. La responsabilità non è mortificazione della vita sotto il peso del dovere. Al contrario, nel rispondere al dovere per il bene collettivo sentiamo di contribuire alla vita degli altri.
Quest’anno, a Natale, dobbiamo resistere e agire con responsabilità in nome e per conto della consapevolezza e della speranza, perché la speranza si possa trasformare in realtà.

Lo sforzo di cui ci dobbiamo fare carico è un piccolo grande dono che facciamo a noi stessi e agli altri, è lo strumento necessario per andare all’attacco del virus che ci ha portato sull’orlo dell’abisso. Siamo insostituibili nella catena sociale. Se saremo tutti uniti, non più per paura o terrore, ma con senso di matura e generosa responsabilità saremo presto fuori dal tunnel. Usciremo tutti assieme a vedere la luce dopo il buio.

Buon Natale e buone feste a tutti voi.

Dario

FOTO

Title

Previous
Next

ALTRE NOTIZIE

  • La mia intervista a “Il Mattino”

    12 Gennaio 2021

    “Le scelte sul Recovery vanno condivise con i sindaci: il ministro Amendola è stato pronto e sensibile. Anche il mio Pd deve chiedere più coraggio sul Mes e sul turismo con il fine di salvare...

  • Moda: “Vincere la sfida dell’innovazione tecnologica”

    12 Gennaio 2021

      “Da Firenze un grande incoraggiamento e un grande in bocca al lupo a tutti i promotori e organizzatori per questa edizione che si configura come edizione della ripartenza, della rinascita,...

  • Scuola, rientro in classe. “Bilancio positivo per questo ...

    12 Gennaio 2021

    Nessuna particolare criticità. “Continueremo a monitorare situazione, intanto test superato con successo” Soddisfazione dopo questo primo giorno di riapertura delle scuole. “Tutto è andato...

  • Nuova illuminazione del Cortile di Michelozzo grazie a ...

    12 Gennaio 2021

    Il gruppo Kering sosterrà il rinnovamento dell’impianto di illuminazione del cortile di Palazzo Vecchio. Oggetto dell’intervento è il Cortile di Michelozzo, progettato nel 1453 e ampiamente...

  • Lettera al Presidente Joe Biden

    5 Gennaio 2021

    Illustrissimo Presidente Joe Biden, mi permetto di scriverLe da Firenze, città di cui sono sindaco dal 2014, per sollevare un tema che mi auguro possa avere un’attenzione particolare durante il...

  • “Neanche il virus fermerà Firenze” – la ...

    31 Dicembre 2020

    Cari fiorentini, si chiude un anno che lascia ferite profonde per le tante persone che hanno perso la vita e per la crisi economica e sociale conseguente alla pandemia. Dobbiamo però guardare avanti...

  • «Si riparte dalla ricerca» – la mia intervista al ...

    27 Dicembre 2020

    Portiamo qui Toscana Life Sciences» Il piano del sindaco Nardella: a Castello, Careggi ed ex Mercafir tre nuovi poli per università e start up, in centro scuole d’eccellenza per enologia e...

  • Scatole di Natale, in un pacco dono la solidarietà per ...

    23 Dicembre 2020

    “Bella iniziativa. Anche io e la giunta abbiamo aderito per regalare un sorriso ai meno fortunati” Serve poco per donare un sorriso e far vivere lo spirito del Natale alle famiglie e ai...

  • Con il prefetto Guidi in visita alla centrale operativa ...

    21 Dicembre 2020

    Con il prefetto di Firenze Alessandra Guidi hanno visita alla sala operativa della Polizia municipale, che si trova al piazzale della Porta al Prato .Assieme anche alll’assessore alla Mobilità e...

  • Morte Fiano, il cordoglio

    19 Dicembre 2020

    “Ci lascia un altro instancabile testimone del nostro tempo, fulgida memoria delle atrocità di Auschwitz e dello sterminio degli ebrei, un cittadino fiorentino di nascita che è diventato un...

  • Festa del dono, gli auguri alla città: “Se saremo uniti ...

    18 Dicembre 2020

    “Non possiamo vincere da soli pensando egoisticamente ai nostri interessi. Dobbiamo agire con responsabilità e generosità” Si è aperta con gli auguri di Natale alla città la Festa del dono...

  • Arrivano i monopattini e gli scooter elettrici a noleggio. ...

    18 Dicembre 2020

    Per i monopattini dal 1° febbraio obbligo del casco anche per i maggiorenni a tutela degli utilizzatori   Prenderà ufficialmente il via domani il nuovo servizio della mobilità in sharing...

ALTRE NOTIZIE

La mia intervista a “Il Mattino”

12 Gennaio 2021

“Le scelte sul Recovery vanno condivise con i sindaci: il ministro Amendola è stato pronto e sensibile. Anche il mio Pd deve chiedere più coraggio sul Mes e sul turismo con il fine di salvare...

Moda: “Vincere la sfida dell’innovazione tecnologica”

12 Gennaio 2021

  “Da Firenze un grande incoraggiamento e un grande in bocca al lupo a tutti i promotori e organizzatori per questa edizione che si configura come edizione della ripartenza, della rinascita,...

Scuola, rientro in classe. “Bilancio positivo per questo ...

12 Gennaio 2021

Nessuna particolare criticità. “Continueremo a monitorare situazione, intanto test superato con successo” Soddisfazione dopo questo primo giorno di riapertura delle scuole. “Tutto è andato...