NOTIZIA

La lezione di Firenze contro la guerra – la mia riflessione su Repubblica

La Piazza di Santa Croce che ha portato a Firenze ventimila persone a manifestare solidarietà e sostegno al popolo ucraino, in collegamento con il Presidente Zelensky, è stata una piazza matura e coraggiosa che ha parlato all’Italia e all’Europa intera.

Questa piazza può essere lo spartiacque della politica italiana e in particolare della sinistra che, di fronte a eventi drammatici come la guerra, si è sempre dilaniata e divisa. Sabato le diverse forze politiche e sindacali hanno mostrato la maturità di una classe dirigente che mette in secondo piano le ragioni di parte a favore di un sentire comune dettato dalla gravità della situazione internazionale e dalla posta in gioco per l’Italia.

Il primo risultato, non scontato, di questo rassemblement è il superamento di un’ambigua equidistanza evocata da taluni rispetto a Ucraina e Russia: essere in quella piazza ha significato per ciascuno riconoscere la differenza inequivocabile tra un aggressore e un aggredito. A partire da questo punto condiviso è comprensibile e perfino scontato che vi sia un dibattito sul “come” e non sul “se” supportare l’Ucraina e contrastare l’aggressore. Pur consapevoli di essere di fronte a una guerra di un governo autoritario contro un popolo e non di un popolo contro un altro.

Come dare dunque un seguito politico a quanto avvenuto a Firenze senza lasciar cadere l’opportunità di una riunificazione delle forze europeiste e democratiche? La strada è ancora una volta quella dell’Europa, così come David Sassoli l’aveva immaginata. Costruire un’Europa più forte che vada ben oltre l’unità monetaria e finanziaria con l’accelerazione della costituzione di una difesa comune europea, una vera politica estera comune, un sistema di tutele sociali e civili senza distinzioni tra paesi membri, il pieno coinvolgimento delle comunità locali e di chi le governa nei luoghi dove si prendono le decisioni.

Su questa base diventa possibile dar vita a quel campo largo democratico di cui si parla da anni e che ha preso forma a Firenze e favorire una nuova unità sindacale, presupposto necessario per affrontare le durissime sfide sociali che il Paese si troverà a vivere nei prossimi mesi, dalla crisi energetica e industriale all’emergenza umanitaria in atto.

Il protagonismo delle città, motori di una solidarietà internazionale e un attivismo politico e diplomatico che contrasta dal basso i sovranismi nazionali, offre alle sinistre democratiche una nuova visione strategica dell’Europa, più concreta e più vicina al sentire comune dei popoli, insomma una nuova identità. È proprio la consapevolezza di essere europei che ci rende esigenti e critici, senza rigidità ideologiche, rispetto agli errori e alle debolezze di un Occidente chiamato a costruire un nuovo equilibrio mondiale. Sta alla politica italiana ed europea far crescere lo “spirito di Santa Croce” e la spinta delle cento città che hanno manifestato il 12 marzo, dimostrando ai governi nazionali che si può parlare con una sola voce.

 

Dario Nardella

Taggato con: ,

FOTO

Title

Previous
Next

ALTRE NOTIZIE

ALTRE NOTIZIE

“Se il Pd punta sui territori può arrivare anche al ...

21 Luglio 2022

Dobbiamo ascoltare le imprese del Nord tradite da Berlusconi e Salvini. E anche lavoratori e giovani del Sud delusi dai grillini. «Abbiamo perso in un Parlamento slegato dalla realtà ma siamo...

Il Presidente Draghi sottolinea l’appello bipartisan ...

20 Luglio 2022

Ringrazio il presidente Draghi per aver sottolineato – in un discorso alto, fermo e chiaro – l’appello bipartisan dei quasi 2mila sindaci, 1933 per l’esattezza, di cui abbiamo...

Più di 1.200 sindaci per l’appello #sindaciperdraghi

18 Luglio 2022

Con incredulità e preoccupazione assistiamo alla conclamazione della crisi di Governo generata da comportamenti irresponsabili di una parte della maggioranza. Le nostre città, chiamate dopo la...