NOTIZIA

Il violino, l’orchestra e le primarie Pd. La mia intervista ad Agi

“La musica ti insegna ad ascoltare, prima ancora che a suonare. Quando suonavo in orchestra, avevo attenzione al suono intorno a me, prodotto dai miei colleghi. Questo mi ha insegnato la musica, e l’ho portato in politica”. Parola del sindaco di Firenze Dario Nardella, politico dai tempi in cui era rappresentante di istituto del liceo scientifico che frequentava, ma, ancor prima, violinista. Da quando era alle elementari e viveva ancora in Campania.

Pronto alla sfida elettorale delle prossime elezioni amministrative con il Pd, e al voto per le primarie di domenica prossima, Nardella tiene uno dei suoi due violini nella Sala di Clemente VII, l’ufficio del primo cittadino in Palazzo Vecchio. Lo suona, quando può, fra i vari impegni istituzionali. E lo fa anche in pubblico, partecipando a concerti di beneficenza. Suonare il violino è stata “la prima decisione seria della mia vita. La mia passione inizia a 7 anni – racconta il 44enne sindaco di Firenze in un’intervista ad AGI – ascoltai, a bocca aperta, un bellissimo concerto sinfonico, alla televisione. Subito dopo chiesi a mia mamma di comprarmi un violino, perché mi colpirono i violinisti, la loro gestualità, la loro eleganza, il suono. Mia mamma allora mi comprò un violino molto piccolo, sembrava quasi un giocattolo. Decise, evidentemente, di spendere poco, perché immaginava che il mio fosse più un capriccio che una cosa seria”.

I ricordi musicali si mescolano quindi con il presente politico. “Il mio maestro mi diceva sempre che una nota stonata in un concerto, è come una macchia di pomodoro su una camicia bianca. La politica italiana oggi? Si fa fatica a trovare la parte bianca della camicia! Altro che lo ‘smacchiatore’ di Bersani…”. L’analisi del sindaco del capoluogo toscano diventa un parallelismo fra le sue due passioni. “Oggi la politica italiana è una valanga continua di parole vuote e di slogan ripetitivi. In musica sarebbe un disastro. Non c’è fraseggio musicale importante che abbia sì le note, ma che abbia anche le pause. Un politico deve conoscere anche il silenzio. In certi pezzi contano più le pause di silenzio delle battute suonate. Oggi invece – ha spiegato Nardella – la politica è presenzialismo ossessivo, penso a Salvini, e logorrea. Immaginiamo cosa può essere una sinfonia di un’ora e venti fatta di un unico suono continuo forte…”.

E l”orchestrà del Pd, oggi, come suona? “Il mio partito al momento non ha un direttore. Ha bisogno di accordare i suoni, perché troppo spesso i violini fanno una nota, mentre i violoncelli ne fanno una stonata e le trombe entrano contro tempo. Provo rabbia, perché questo partito ha degli orchestrali molto preparati, ma non si ascoltano tra di loro. Serve ascoltarsi e cercare di suonare ‘a ritmo’, come si dice in gergo musicale, e intonati, perché altrimenti fuori, lo spettatore, ascolta soltanto un groviglio di note. Il rischio è che venga fuori un concerto pessimo”.

Non è stato così. La vita del sindaco di Firenze è accompagnata dal suo violino “il cui suono è davvero tuo, ti nasce da dentro: è il combinato disposto di tecnica e talento”. Le molte ore di studio al giorno, non gli hanno impedito di iniziare a fare politica durante l’adolescenza e di iscriversi, poi, alla facoltà di Giurisprudenza. “C’era un periodo in cui mescolavo politica, musica e diritto – racconta ancora Nardella – e devo dire che è un mix che mi ha sempre stimolato”.

Sul tema della leadership, Nardella non ha dubbi. “Direttore e orchestra hanno bisogno l’uno dell’altra. Il Pd dovrebbe ispirarsi a questo modello. L’orchestra è l’organizzazione, il direttore rappresenta la leadership”. Un pensiero musicale, infine, il sindaco violinista, lo dedica anche ai candidati alla segreteria del Pd in vista del prossimo congresso.

“A Zingaretti suonerei ‘La marcia di Redetzky’, di Strauss, per dargli un po’ di vigore. A Martina? ‘La sinfonia del nuovo mondo’ di Dvorak, perché possa trovare la forza di far vedere davvero un nuovo mondo. A Giachetti invece suonerei ‘L’eroica’ di Beethoven, perché lui è l’outsider. Quindi questa sinfonia personifica l’uomo coraggioso, battagliero, come lui è”. A se stesso invece, il sindaco Dario Nardella dedica le Sonate e Partite per violino solo di Bach. In vista della sfida elettorale “Bach mi servirà a trovare fiducia in me stesso, lucidità e forza emotiva”.

di S

FOTO

Title

Previous
Next

ALTRE NOTIZIE

  • Bene la prima ma dobbiamo ricostruirci. La mia intervista a ...

    29 Maggio 2019

    «Zingaretti ha passato la prima prova ma attenzione: niente trionfalismi. Io non credo alle elezioni anticipate, rischieremmo di non essere pronti. Prima dobbiamo ricostruirci». Il giorno dopo il...

  • “Subito un candidato per la Regione”. La mia ...

    29 Maggio 2019

    È il sindaco che nel tempo della crociata salviniana ha sconfitto la Lega, polverizzato i 5 stelle, annientato le altre forze politiche in campo. Preferito dal 57% dei fiorentini, oltre 109mila voti...

  • Sport come partecipazione, socialità, aggregazione

    24 Maggio 2019

    In questi anni ne ho avuto tante dimostrazioni. Ma oggi, devo dire, l’ho davvero potuto toccare con mano. Sport significa aggregazione, inclusione sociale. Sport significa fare comunità. E con...

  • 22 Maggio 2019

    Pensava di guarire le sue pene d’amore scarabocchiando i muri del loggiato del Corridoio Vasariano. Non solo non ha risolto nulla, ma è stato scoperto ed individuato dai vigili ed è scattata...

  • Gli appuntamenti di giovedì 23 maggio

    22 Maggio 2019

    Ecco i miei appuntamenti per giovedì 23: Ore 8, in diretta a Controradio. Ore 11.30, posa della prima pietra di “Palazzo Wanny” (via del Cavallaccio, 32). Ore 13, sopralluogo in piazza delle...

  • Giovani, mobilità, cultura

    21 Maggio 2019

    Sopralluogo questa mattina all’ex Panificio Militare: ora c’è l’approvazione definitiva al piano di recupero. Dopo anni di abbandono l’intervento porterà alla trasformazione dell’area,...

  • Gli appuntamenti di mercoledì 22 maggio

    21 Maggio 2019

    Ecco i miei appuntamenti per mercoledì 22: – Ore 7.30, in diretta ospite alla rassegna stampa del Tgt di Italia7. – Ore 12.15, conferenza stampa sulle indagini della Polizia municipale...

  • Orti urbani e impianti sportivi riqualificati

    20 Maggio 2019

    Un sogno sostenibile che può diventare realtà: con nove spazi verdi recuperati in tutti i quartieri, vogliamo garantire un orto per ogni fiorentino che lo vorrà. Il progetto Orti Urbani continua a...

  • Gli appuntamenti di martedì 21 maggio

    20 Maggio 2019

    Ecco i miei appuntamenti per martedì 21: Ore 8, in diretta su Lady radio. Ore 9.30, sopralluogo al Panificio Militare (via dei Marignolli). Ore 11, a Montedomini per l’inaugurazione della sede...

  • Cascine in festa, via allo sprint finale

    20 Maggio 2019

    La pioggia non ha fermato il grande picnic alle Cascine. Ieri c’erano almeno 1700 persone, non più, come inizialmente previsto, al prato del Quercione ma all’ippodromo del Visarno. Nonostante la...

  • Domenica di sport e festa

    19 Maggio 2019

    Corsa bagnata, corsa fortunata! Un fiume blu e arancione ha “invaso” Firenze incurante della pioggia: più di 13mila persone hanno partecipato alla Deejay Ten, gara non competitiva...

  • Gli appuntamenti di lunedì 20 maggio

    19 Maggio 2019

    Ecco i miei appuntamenti per lunedì 20: – Ore 10.30, sopralluogo agli orti sociali all’Argingrosso (via delle Isole). – Ore 14.45, Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio per la Hall...

ALTRE NOTIZIE

Bene la prima ma dobbiamo ricostruirci. La mia intervista a ...

29 Maggio 2019

«Zingaretti ha passato la prima prova ma attenzione: niente trionfalismi. Io non credo alle elezioni anticipate, rischieremmo di non essere pronti. Prima dobbiamo ricostruirci». Il giorno dopo il...

“Subito un candidato per la Regione”. La mia ...

29 Maggio 2019

È il sindaco che nel tempo della crociata salviniana ha sconfitto la Lega, polverizzato i 5 stelle, annientato le altre forze politiche in campo. Preferito dal 57% dei fiorentini, oltre 109mila voti...

Sport come partecipazione, socialità, aggregazione

24 Maggio 2019

In questi anni ne ho avuto tante dimostrazioni. Ma oggi, devo dire, l’ho davvero potuto toccare con mano. Sport significa aggregazione, inclusione sociale. Sport significa fare comunità. E con...