NOTIZIA

Il sindaco Nardella e l’onorevole Lotti al Meyer con la Fondazione Bacciotti in ricordo di Tommasino

Una piacevole sorpresa natalizia per i piccoli pazienti ricoverati nei reparti di oncoematologia, neurochirurgia e chirurgia pediatrica dell’ospedale Meyer, che oggi hanno avuto una visita speciale da parte di ben tre Babbi Natale. A vestire i panni di Santa Claus sono stati il sindaco Dario Nardella, l’onorevole Luca Lotti e l’ex giocatore della Fiorentina Giancarlo Antognoni.

Sorrisi e spensieratezza hanno accompagnato la consegna delle buste con i regalini da parte, tra gli altri, del presidente della Fondazione Tommasino Bacciotti Paolo Bacciotti e di sua moglie Barbara, del presidente della Fondazione Meyer professor Gianpaolo Donzelli e del direttore generale dell’azienda ospedaliero-universitaria Meyer Alberto Zanobini.

All’iniziativa hanno partecipato anche alcuni rappresentanti del personale sanitario dell’ospedale e dei volontari della Fondazione Bacciotti, che quest’anno celebra il 18esimo anno di attività e che ha lo scopo di raccogliere fondi da devolvere ad attività di studio, assistenza e informazione sui tumori cerebrali infantili. Era il 19 dicembre 1999 quando il piccolo Tommasino Bacciotti è scomparso per una grave e rara forma di tumore cerebrale. Quest’anno avrebbe compiuto 21 anni. Dal 2000 la Fondazione si prende cura delle famiglie dei bambini in cura all’Ospedale Meyer e quest’anno, con il compimento della maggiore età, ha raggiunto un nuovo importante obiettivo: uno spazio informativo aperto al pubblico sulla città di Firenze che in questi anni l’ha sostenuta e ha reso possibile l’apertura di ben 20 appartamenti per il Progetto Accoglienza Famiglie.

“Il Meyer è un biglietto da visita di Firenze – ha detto il sindaco Nardella -, è il simbolo della solidarietà, della professionalità e dei bambini. Non rinuncio mai a venire qui a Natale, sperando di poter regalare un sorriso ai bambini ricoverati, che con le loro famiglie trascorreranno la festa più bella dell’anno in una corsia di ospedale insieme agli infermieri e ai medici, che sanno trovare sempre il modo giusto per stare loro accanto. Per questo, non smettiamo mai di ringraziare l’ospedale pediatrico, la Fondazione Meyer e la Fondazione Bacciotti perché questa è un po’ la casa di tutti i bambini, non solo di Firenze, ma di tutta Italia visto che tanti bambini vengono da ogni regione per curarsi e operarsi. Questo ci riempie di orgoglio”.

“Siamo alla vigilia di Natale – ha affermato Paolo Bacciotti – e come da tradizione, da 18 anni a questa parte, io e Barbara portiamo avanti la Giornata di Babbo Natale nel nome di nostro figlio Tommasino. Oggi lo facciamo con il sindaco Nardella, Luca Lotti, Giancarlo Antognoni e tanti amici e volontari della Fondazione. È un giorno particolare per i bambini e le loro famiglie ospitate nelle nostre venti case del Progetto Accoglienza Famiglie”. “I nostri tre Babbi Natale hanno regalato un sorriso e qualche minuto di felicità ai bambini costretti a trascorrere il Natale in ospedale – ha continuato Bacciotti -. Questa iniziativa è una tradizione che si tramanda di anno in anno perché crediamo in quello che facciamo. Dal 2000 io e Barbara portiamo avanti l’attività della Fondazione che aiuta le famiglie che vengono a Firenze da tutta Italia per operare il proprio figlio al Meyer”.

FOTO

Title

Previous
Next

ALTRE NOTIZIE

ALTRE NOTIZIE

Torna a Firenze la Postemobile Final Eight di Coppa Italia, ...

21 Gennaio 2019

Per il secondo anno consecutivo Firenze ospita la PosteMobile Final Eight di Coppa Italia di basket, che si terrà dal 14 al 17 febbraio prossimi al Mandela Forum. L’edizione 2019 è stata...

A Palazzo Vecchio la 14/esima Conferenza internazionale ...

21 Gennaio 2019

“La Giordania ha compiuto e sta compiendo un grande sforzo nell’ospitare migliaia di rifugiati. E’ un esempio per tutta l’Europa, pur avendo meno mezzi di molti Stati europei”. E’ il...

Per vincere in Europa servono l’unità dei ...

20 Gennaio 2019

Il sindaco di Firenze, Dario Nardella, dem renziano della prima ora, figura tra le firme del manifesto europeista lanciato da Calenda. «Mi convince l’idea di proporre una unità di forze...