NOTIZIA

«I nostri Comuni sono a rischio default il governo sblocchi subito i 7 miliardi» – la mia intervista a “Il Mattino”

IL SINDACO DI FIRENZE: PREOCCUPATO DALL’ALLARME SOCIALE, OCCORRE AGIRE NORME PIU SEMPLICI CONTRO L’ILLEGALITÀ

Dario Nardella, sindaco di Firenze: lei ha definito le grandi città italiane le nuove zone rosse dell’emergenza. Perché? «L’emergenza sanitaria sta gradualmente trasformandosi in emergenza economico finanziaria ed emergenza sociale. E noi sindaci, in assenza di misure chiare, rischiamo di vedere i nostri Comuni finire presto in una situazione di default».

Quando lei parla di chiarezza, a cosa si riferisce? «Alla rapidità e al linea di azione. L’ho ribadito anche al presidente Conte che ringrazio per averci ascoltato». E  in termini pratici, cosa significa? «Che i 7 miliardi promessi dal governo siano resi disponibili al più presto. Questo non è solo un problema di Firenze. La linea è condivisa da tutti i 14 sindaci metropolitani dei quali sono il coordinatore. Ci sono mille aspetti che dipendono dalle amministrazioni locali: illuminazione, pulizia, rifiuti, assistenza agli anziani e ai meno abbienti, scuole. Senza liquidità siamo in ginocchio».

Poi si parla di rilancio turistico… «Forse l’ultimo settore a ripartire davvero. Il problema riguarda molte grandi città. Ma servono due requisiti: velocità estrumenti». Quali strumenti? «Sbloccare cantieri, opere pubbliche, trasporti. Il governo dice che i sindaci saranno commissari per la scuola? Bene. Allora via tutti i vincoli burocratici. Noi abbiamo strutture di pregio artistico e architettonico che possono ospitare strutture scolastiche ma senza semplificazioni non possiamo mai ripartire».

Lei sta chiedendo un modello Genova-Nuovo ponte? «Può essere una soluzione. Da anni in Italia si parla di semplificazioni. La legge 241/90 ha un intero capitolo dedicato alla sburocratizzazione ma in tutti questi anni si è fatto solo peggio».

Si dice che le norme servono per evitare che si insinui l’illegalità… «Una sciocchezza. Per combattere l’illegalità non ci vogliono più regole ma servono regole più chiare e semplici. Altrimenti ci ritroviamo di frontea conflitti di competenze, ricorsi e paralisi».

Lei ha detto che per Firenze l’emergenza Covid è stata come un’altra alluvione… «E ora rischiamo di trovarci senza un euro in tasca. La Tari è sospesa fino a giugno; la Cosap è annullata per tutto il periodo in cui le attività sono state ferme ma già il decreto Rilancio parla di azzeramento per i prossimi sci mesi. La tassa di soggiorno è sospesa e comunque, in assenza di turisti, non la incassiamo: solo Firenze ha perso 48 milioni in tre mesi. Poi c’è un’altra mezza beffa». Mezza beffa? «Si, perché le sanzioni elevate dalle nostre Polizie locali per il mancato rispetto delle restrizioni Covid non andranno agli enti locali ma vanno allo Stato. Come possiamo pensare di rilanciare il turismo se non possiamo garantire i servizi? Sarebbe un pessimo segnale per il Paese».

Spesso si è avuta l’impressione che il governo fosse impegnato in continui scontri con sindaci e presidenti di Regione… «Ed è quello che ho ribadito al premier Conte. I Comuni non possono essere trattati alla stregua di attività produttive o categorie economiche». Lei è preoccupato? «Mi preoccupa l’allarme sociale. Non è un problema solo del Sud. Se le imprese della mia città vanno in difficoltà arriva la criminalità che opera con rapidità e ha liquidità immediata».

Anche in Toscana si dovrà votare per la Regione.  Meglio luglio, settembre o ottobre? «Dico due cose: la salute dei cittadini e nessuno pensi di strumentalizzare il consenso».

Sulle riaperture del 3 giugno ci sono molti distinguo. E giusto che una Ragione per difendersi dal possibile rischio-contagi chiuda i confini? «L’Italia non è una somma di staterelli , ogni decisione va adottata in maniera coordinata. Guai se in questo momento difficile si aprisse una competizione tra città e Regioni».

Ma anche nel pieno dell’emergenza sanitaria si è notato un approccio parallelo: il governo centrale, le Regioni… «L’autonomia è una grande opportunità ma un eccesso di autonomia senza regole chiare può generare il caos. Questa epidemia ha di mostrato che serve chiarezza su quali debbano essere le prerogative degli enti locali e quelle del lo Stato centrale nella tutela del diritto alla salute. Non si può pensare di utilizzare in una situazione di emergenza lo stesso modello che si utilizza nella normalità».

Taggato con:

FOTO

Title

Previous
Next

ALTRE NOTIZIE

  • Il servizio Mobike si rafforza con 200 bici elettriche a ...

    13 Agosto 2020

    Firenze sempre più ciclabile. Da oggi il servizio Mobike si rafforza con 200 bici elettriche a pedalata assistita, agili e veloci. Per una città modello della mobilità elettrica e attenta...

  • Chiuso il campo Rom del Poderaccio

    12 Agosto 2020

    Oggi si chiude definitivamente il Campo Rom del Poderaccio, il più grande della Toscana. Era uno degli obiettivi più importanti del mio mandato, un impegno preso 6 anni fa con i fiorentini e il...

  • Ore 7:00, i rintocchi della Martinella

    11 Agosto 2020

    11 agosto 1944, ore 7. Con i rintocchi della martinella viene annunciata alla popolazione la liberazione di Firenze dai nazifascisti. Non dimenticheremo mai il sacrificio di donne e uomini che hanno...

  • Celebrazioni di San Lorenzo

    10 Agosto 2020

    Celebriamo #SanLorenzo con il corteo storico e la tradizionale offerta dei ceri. Abbiamo messo su Palazzo Vecchio una bandiera del Libano per omaggiare i nostri fratelli e sorelle che stanno...

  • Apertura della ztl

    7 Agosto 2020

    #fase3 al via l’apertura della ztl alle 16 (da fine agosto fino alla fine di settembre) con due varchi e percorsi stabiliti per entrare in centro e parcheggiare in piazza Ognissanti e piazza...

  • Nardella: “Firenze decisiva per il voto ...

    5 Agosto 2020

    Il sindaco sulle elezioni regionali: “La sfida è apertissima, chi nel Pd pensa già ai posti in giunta non ha capito la portata della battaglia. Giani sia più netto su rifiuti, infrastrutture...

  • Beirut: noi ci siamo

    5 Agosto 2020

    Ho parlato con il console del Libano Charbel Chbeir per trasmettergli le condoglianze del popolo fiorentino verso il popolo di Beirut. Il Console, che è in costante contatto con il governo...

  • Cordoglio per la scomparsa Giorgiana Corsini

    1 Agosto 2020

    “Sono profondamente addolorato per l’improvvisa morte di Giorgiana Corsini, storica fondatrice della mostra Artigianato e Palazzo. Entusiasta, leale, piena di idee e pragmatismo, ha animato...

  • ‘Rinasce’ Lungarno Acciaiuoli, una passeggiata in ...

    22 Luglio 2020

    Ultimati i lavori per un milione e mezzo di euro ‘Rinasce’ in pietra Lungarno Acciaiuoli, uno dei luoghi più suggestivi di Firenze, tra Ponte Vecchio e Ponte Santa Trinita sulla riva destra...

  • Visita ministro Speranza: “Grazie a nome di tutta la ...

    17 Luglio 2020

    “Condivido il suo l’appello a non abbassare la guardia contro il Covid: dobbiamo fare attenzione alle precauzioni indicate dalle autorità sanitarie. Mascherine e gel sono le nostre...

  • Rinasce Firenze, Nardella ha accolto a Palazzo Vecchio 19 ...

    16 Luglio 2020

    “Vogliamo che la nostra città sia sempre più una capitale mondiale della conoscenza e della formazione” “Firenze ha parlato al mondo. Siamo stati ascoltati da 19 delegazioni, composte da...

  • Stati generali del turismo a Firenze, vertice a Palazzo ...

    15 Luglio 2020

    Incontro con la Sottosegretaria Bonaccorsi e gli stakeholder del turismo: “Una legge speciale per le città d’arte e una normativa sulle locazioni turistiche brevi” Legge speciale a favore...

ALTRE NOTIZIE

Il servizio Mobike si rafforza con 200 bici elettriche a ...

13 Agosto 2020

Firenze sempre più ciclabile. Da oggi il servizio Mobike si rafforza con 200 bici elettriche a pedalata assistita, agili e veloci. Per una città modello della mobilità elettrica e attenta...

Chiuso il campo Rom del Poderaccio

12 Agosto 2020

Oggi si chiude definitivamente il Campo Rom del Poderaccio, il più grande della Toscana. Era uno degli obiettivi più importanti del mio mandato, un impegno preso 6 anni fa con i fiorentini e il...

Ore 7:00, i rintocchi della Martinella

11 Agosto 2020

11 agosto 1944, ore 7. Con i rintocchi della martinella viene annunciata alla popolazione la liberazione di Firenze dai nazifascisti. Non dimenticheremo mai il sacrificio di donne e uomini che hanno...