NOTIZIA

“È come l’alluvione A Firenze servono mecenati stranieri Partirò dalla Cina”- la mia intervista al Corriere della Sera

Il sindaco Nardella: vicini al collasso, è un nuovo ’66 Sono infuriato, dal governo non ci è arrivato un euro Farò un giro del mondo per cercare fondi privati

«Siamo in ginocchio: questa è per noi una nuova alluvione. E oggi, come 54 anni fa, per dirla con Piero Bargellini, il sindaco di allora (“Firenze ha bisogno del mondo perché il mondo ha ancora bisogno di Firenze”), lancio un appello a tutti i mecenati e a coloro che amano Firenze: contribuite al Fondo per la rinascita ispirato alla “chiamata alle arti” di Ludovico Ragghianti nel 1966: aiutateci a riveder la luce dopo il fango». Dario Nardella, primo cittadino di Firenze, sulla scrivania che fu di Giorgio La Pira sfoglia l’ultimo report sul bilancio comunale: «C’è un disavanzo di quasi 200 milioni».

Sindaco, il dramma della pandemia è planetario. Perché crede che Firenze sia un caso particolare? «Perché se da un lato i Comuni sono in crisi totale, le città d’arte sono al collasso. Siamo colpiti dal crollo del turismo e di tutto l’indotto: per noi 49 milioni in meno dalla tassa di soggiorno, 18 dai ticket per i bus turistici e 15 dagli incassi dei musei civici…».

Si appella ai mecenati e non al governo? «Sì, perché dei soldi promessi dal governo non c’è ancora un euro. Sono infuriato e molto preoccupato: non ho i soldi per pagare la manutenzione ordinaria di monumenti e immobili, ho dovuto azzerare i 3 milioni previsti. Così ho pensato che ce la dobbiamo cavare anche da soli». E cosa farà? «Appena si allenteranno i vincoli inizierò un lungo giro del mondo per andare a cercare fondi privati. La prima tappa sarà la Cina. Il motivo? E stato il Paese più solidale con Firenze, donando rapidamente mascherine e respiratori. Poi andrò a New York, Los Angeles, e in Giappone, Hong Kong, Taiwan, India, per poi chiudere a Londra, Berlino e Parigi. La Fondazione Cr Firenze, Morgan Stanley e alcuni imprenditori russi hanno già contribuito».

Incontrerà molti tra imprenditori e mecenati. Chiederà contributi, ma cosa prometterà in cambio? «Diventare ambasciatori di una delle capitali della cultura nel mondo. E noi garantiremo il massimo impegno per costruire un nuovo umanesimo, ripensando radicalmente il modello di città in cui è fiorito il Rinascimento».

Ecco la nota dolente: un modello di città, il cui bilancio da 3o anni è incentrato quasi esclusivamente sul turismo, di massa per di più. «Firenze non è Venezia: ha una grande tradizione legata a export della moda, meccanica e farmaceutica. Il punto è bilanciare questa economia con il turismo, che ha monopolizzato il centro storico». Magari serve anche un po’ di autocritica… «Non mi sottraggo, anzi. La responsabilità, negli ultimi decenni, va distribuita tra tanti. A Firenze abbiamo decentrato in periferia funzioni vitali come università, tribunale, grandi uffici bancari senza predispone prima un piano per l’area Unesco. Abbiamo sbagliato tutti, perché così la rendita immobiliare, lauta e improduttiva, si è impossessata del cuore della città con gli affitti turistici. Io stesso ho sbagliato a non combattere in modo più radicale questa cultura. Ora lancio un appello a tutte le imprese: tornate in centro, io mi prendo l’impegno ad offrire nuovi servizi e vantaggi fiscali».

Lei parla di «nuovo umanesimo». «Vasto programma», direbbe De Gaulle. «Non ho la bacchetta magica, posso solo mettercela tutta. Ed entro la fine del 2020, presieduto dal premier Giuseppe Conte che avevo incontrato riservatamente a febbraio, organizzeremo a Firenze un simposio proprio sulla costruzione di un nuovo umanesimo. Inviteremo i sindaci delle più grandi città d’arte del mondo, il rettore della Sorbona Gilles Pécout, gli economisti Amartya Sen ed Esther Duflo (entrambi Nobel), le fisiche Lucia Votano e Fabiola Gianotti, il filosofo Edgar Morin e Mikhail Gorbaciov in videoconferenza».

Tre progetti su cui si concentrerà adesso? «Collaborare col ministro Franceschini per realizzare la Loggia di Isozaki alla nuova uscita degli Uffizi: oggi più che mai, per scuotere la città e aprirsi alla contemporaneità. Poi lavoreremo agli Uffizi 2 esponendo una parte della collezione in un grande immobile recuperato fuori dal centro, anche per diluire i flussi turistici. E poi dobbiamo costruire il nuovo stadio e recuperare in ogni caso il Franchi, ma c’è un sistema burocratico inestricabile».

Ma sindaco: la legge per i nuovi stadi porta il suo nome, la presentò da parlamentare. «E vero, ma dobbiamo ridurre ancora di più i vincoli. Ci siamo resi conto che i sindaci hanno le mani legate rispetto alle opportunità offerte dai privati».

Taggato con:

FOTO

Title

Previous
Next

ALTRE NOTIZIE

  • Il servizio Mobike si rafforza con 200 bici elettriche a ...

    13 Agosto 2020

    Firenze sempre più ciclabile. Da oggi il servizio Mobike si rafforza con 200 bici elettriche a pedalata assistita, agili e veloci. Per una città modello della mobilità elettrica e attenta...

  • Chiuso il campo Rom del Poderaccio

    12 Agosto 2020

    Oggi si chiude definitivamente il Campo Rom del Poderaccio, il più grande della Toscana. Era uno degli obiettivi più importanti del mio mandato, un impegno preso 6 anni fa con i fiorentini e il...

  • Ore 7:00, i rintocchi della Martinella

    11 Agosto 2020

    11 agosto 1944, ore 7. Con i rintocchi della martinella viene annunciata alla popolazione la liberazione di Firenze dai nazifascisti. Non dimenticheremo mai il sacrificio di donne e uomini che hanno...

  • Celebrazioni di San Lorenzo

    10 Agosto 2020

    Celebriamo #SanLorenzo con il corteo storico e la tradizionale offerta dei ceri. Abbiamo messo su Palazzo Vecchio una bandiera del Libano per omaggiare i nostri fratelli e sorelle che stanno...

  • Apertura della ztl

    7 Agosto 2020

    #fase3 al via l’apertura della ztl alle 16 (da fine agosto fino alla fine di settembre) con due varchi e percorsi stabiliti per entrare in centro e parcheggiare in piazza Ognissanti e piazza...

  • Nardella: “Firenze decisiva per il voto ...

    5 Agosto 2020

    Il sindaco sulle elezioni regionali: “La sfida è apertissima, chi nel Pd pensa già ai posti in giunta non ha capito la portata della battaglia. Giani sia più netto su rifiuti, infrastrutture...

  • Beirut: noi ci siamo

    5 Agosto 2020

    Ho parlato con il console del Libano Charbel Chbeir per trasmettergli le condoglianze del popolo fiorentino verso il popolo di Beirut. Il Console, che è in costante contatto con il governo...

  • Cordoglio per la scomparsa Giorgiana Corsini

    1 Agosto 2020

    “Sono profondamente addolorato per l’improvvisa morte di Giorgiana Corsini, storica fondatrice della mostra Artigianato e Palazzo. Entusiasta, leale, piena di idee e pragmatismo, ha animato...

  • ‘Rinasce’ Lungarno Acciaiuoli, una passeggiata in ...

    22 Luglio 2020

    Ultimati i lavori per un milione e mezzo di euro ‘Rinasce’ in pietra Lungarno Acciaiuoli, uno dei luoghi più suggestivi di Firenze, tra Ponte Vecchio e Ponte Santa Trinita sulla riva destra...

  • Visita ministro Speranza: “Grazie a nome di tutta la ...

    17 Luglio 2020

    “Condivido il suo l’appello a non abbassare la guardia contro il Covid: dobbiamo fare attenzione alle precauzioni indicate dalle autorità sanitarie. Mascherine e gel sono le nostre...

  • Rinasce Firenze, Nardella ha accolto a Palazzo Vecchio 19 ...

    16 Luglio 2020

    “Vogliamo che la nostra città sia sempre più una capitale mondiale della conoscenza e della formazione” “Firenze ha parlato al mondo. Siamo stati ascoltati da 19 delegazioni, composte da...

  • Stati generali del turismo a Firenze, vertice a Palazzo ...

    15 Luglio 2020

    Incontro con la Sottosegretaria Bonaccorsi e gli stakeholder del turismo: “Una legge speciale per le città d’arte e una normativa sulle locazioni turistiche brevi” Legge speciale a favore...

ALTRE NOTIZIE

Il servizio Mobike si rafforza con 200 bici elettriche a ...

13 Agosto 2020

Firenze sempre più ciclabile. Da oggi il servizio Mobike si rafforza con 200 bici elettriche a pedalata assistita, agili e veloci. Per una città modello della mobilità elettrica e attenta...

Chiuso il campo Rom del Poderaccio

12 Agosto 2020

Oggi si chiude definitivamente il Campo Rom del Poderaccio, il più grande della Toscana. Era uno degli obiettivi più importanti del mio mandato, un impegno preso 6 anni fa con i fiorentini e il...

Ore 7:00, i rintocchi della Martinella

11 Agosto 2020

11 agosto 1944, ore 7. Con i rintocchi della martinella viene annunciata alla popolazione la liberazione di Firenze dai nazifascisti. Non dimenticheremo mai il sacrificio di donne e uomini che hanno...