NOTIZIA

Acqua, Nardella: “Tariffe bloccate per sei anni, più investimenti e condizioni favorevoli per tornare alla gestione pubblica”

Tariffe bloccate per sei anni, incremento degli investimenti per 50 milioni di euro e avvio del percorso di pubblicizzazione dell’acqua. E’ quanto stanno portando avanti il Comune di Firenze con gli altri Comuni dell’area compresa fra Firenze, Prato e Pistoia che hanno avanzato le proposte a Publiacqua la quale a sua volta le ha approvate ieri. Adesso spetterà alla Conferenza territoriale 3 dell’Autorità idrica toscana (AIT) pronunciarsi.

“Con i Comuni dell’area di Firenze, Prato e Pistoia abbiamo deciso di avviare concretamente una vera e propria rivoluzione del servizio idrico – ha detto il sindaco Dario Nardella -, che attraverso la proroga della concessione a Publiacqua fino al 2024 ci consente di ottenere tre risultati: aumentare gli investimenti sulla rete idrica e sul sistema fognario da qui al 2024; bloccare le tariffe, così i cittadini di queste tre province da gennaio prossimo non pagheranno neanche un centesimo in più sulla bolletta dell’acqua per sei anni; e infine creare le condizioni per realizzare il nostro progetto dell’acqua pubblica, ovvero per costituire alla fine di questa concessione una società interamente pubblica, nata per gestire l’acqua in Toscana che sarà di proprietà dei toscani”.

Publiacqua ha approvato la proposta del Piano degli investimenti (PdI) e le proposte tariffarie del servizio idrico nell’area dell’ex ATO 3 (Fi-Po-Pt) per gli anni futuri che saranno inviate per l`approvazione all`autorità idrica. I sindaci della Conferenza territoriale 3 di AIT avevano infatti chiesto di incrementare gli investimenti in acquedotto e depurazione e stabilizzare il livello delle tariffe idriche, votando anche una delibera di indirizzo finalizzata a sostenere, al termine della concessione di Publiacqua, l’affidamento in house.

Se sarà approvata dall’Ait, la proposta dei comuni dell’Ato Firenze, Prato e Pistoia accolta ieri da Publiacqua permetterà alcuni vantaggi fra cui l’azzeramento della variazione tariffaria tra il 2019 e il 2024. Ma consentirà anche di investire di più: il vecchio piano degli investimenti prevedeva negli anni 2018-2021 75 milioni di investimenti all’anno, il nuovo piano invece aumenta questa cifra di 40 milioni di euro: per Firenze questo si traduce in 50 milioni di investimenti specifici per riduzioni di perdite di rete, messa in sicurezza degli approvvigionamenti idrici e completamento delle opere strategiche.

Publiacqua serve una popolazione superiore al 25% della popolazione toscana; per questo, alla scadenza della concessione di Publiacqua, l’assemblea dell’Autorità idrica Toscana deve scegliere la forma di gestione del gestore che gestirà tutta la Toscana (via via che scadono le gestioni presenti). Siamo in attesa che l’assemblea regionale di AIT (formata dai principali 50 comuni toscani) si esprima in tal senso. Il Comune di Firenze è per l’in house (che dovremo dimostrare essere la gestione migliore). Con l’istanza proposta da Publiacqua che deve essere approvata da AIT e da ARERA (l’autorità nazionale), si gettano le basi perché la gestione diretta toscana si realizzi anche economicamente.

Il piano di investimenti e le ipotesi tariffarie

FOTO

Title

Previous
Next

ALTRE NOTIZIE

ALTRE NOTIZIE

A Firenze torna Strings City, il primo festival diffuso di ...

16 novembre 2018

Oltre 50 ore di musica in più di 50 luoghi della cultura per 80 momenti musicali, tutti a ingresso gratuito: sabato 1 e domenica 2 dicembre Firenze si trasforma in un grande palcoscenico per la...

Il sindaco Dario Nardella in missione a Madrid e Barcellona

13 novembre 2018

Oggi e domani, 13 e 14 novembre, il sindaco Dario Nardella è in missione in Spagna per partecipare al Congresso Mondiale Smart City Expo di Barcellona, una delle più importanti rassegne a livello...

Ex Fiat viale Belfiore, si chiude il ‘buco nero’: al ...

9 novembre 2018

Tre edifici con un grande ‘boulevard’ pedonale, una piazza verde e un tetto-giardino aperti al pubblico. Ma anche nuovi marciapiedi e illuminazione, pista ciclabile e una terza corsia lungo via...